Testata

I Giorni di Roma

Culla del tempo, culla della civiltà…

Roma 7 Luglio

[ anno 1143 ]

Tivoli si arrende al papa ma non ai romani

In seguito all’assedio, Tivoli si arrende. Il trattato di pace assegna a papa Innocenzo II il dominio della città, riconoscendolo come sovrano con il titolo di conte. Ma la cittadina non riconosce alcun onore ne la vittoria ai romani.


[ anno 1294 ]

Celestino V verso L’Aquila

Il monaco eremita Pietro Angeleri accetta la sua elezione a papa e, convinto dal re di Napoli Carlo II, si mette in viaggio verso L’Aquila dove è stata organizzata la sua consacrazione. A testimonianza della sua umiltà, il futuro pontefice Celestino V viaggia su un asino.


[ anno 1304 ]

Morte di Benedetto XI

Benedetto XI

Forse avvelenato, papa Benedetto XI muore a Perugia, dove viene sepolto nella chiesa di San Domenico.


[ anno 1385 ]

Urbano VI fugge da Nocera

Diretto a Trani per imbarcarsi, papa Urbano VI fugge da Nocera, portando con sé sei cardinali imprigionati con l’accusa di congiura.


[ anno 1571 ]

Ordini religiosi “Mendicanti”

Tutti gli ordini religiosi vengono dichiarati “Mendicanti” (ovvero a cui è vietato possedere beni e rendite, imponendo di trarre ogni mezzo di sostentamento dall’elemosina o dal proprio lavoro) da un breve emesso da papa Pio V.


[ anno 1573 ]

Morte del Vignola

Muore a Roma il Vignola (nato Jacopo Barozzi), architetto che fu tra gli esponenti più importanti del Manierismo e ricordato per la realizzazione di Villa Giulia (per conto di papa Giulio III) e per il progetto della chiesa del Gesù, talmente apprezzato da diventare il prototipo utilizzato dai Gesuiti per l’erezione di tutti i loro edifici di culto.


[ anno 1828 - Lunedì ]

Stendhal detesta Donizetti

Durante la sua permanenza a Roma, lo scrittore francese Stendhal esterna senza mezzi termini la sua insofferenza per la musica di Donizetti: “La signora Lampugnani mi ha condotto a un concerto che dava la signora Savelli. La musica era volgare, il che non mi ha sorpreso. È di Donizetti, uomo che mi perseguita dappertutto… La musica era nauseabonda e io ho fatto conversazione”.


[ anno 1856 - Lunedì ]

Ferrovia Roma – Frascati

Papa Pio IX in persona inaugura la prima ferrovia dello Stato Pontificio, che collega Roma a Frascati partendo da Porta Maggiore. Realizzata dall’Impresa York & Co., per la notevole distanza della stazione di partenza dall’abitato della città di allora, la Società Generale delle Strade Ferrate Romane attiva la linea piazza Montecitorio – Porta Maggiore. Inoltre la tratta della durata di circa 30 minuti si ferma in una stazione poco distante da Frascati, per cui viene organizzato un servizio di carrozze. È per questo che spunta l’ennesima pasquinata: “Perchè vi meravigliate? Fare le cose a metà è sempre stato il metodo di Pio IX, il quale prima benedisse l’Italia e poi la mandò a farsi benedire”. L’inaugurazione è comunque festeggiatissima.


[ anno 1860 - Sabato ]

Predica per gli ebrei

Gli ebrei hanno l’obbligo di ascoltare ogni sabato un sermone da essi stessi pagato, il cui scopo sarebbe la loro conversione. Dal momento che la comunità semitica dovrebbe sborsare uno scudo per ogni ebreo assente, puntualmente tutti si presentano regolarmente. Oggi trapela l’indiscrezione secondo la quale papa Pio IX avrebbe intenzione di far decadere tale obbligo: la convinzione comune che si diffonde in città è che quando la predica diventerà facoltativa non interverrà più nessun ebreo.


[ anno 1974 - Domenica ]

Rapporto sul “Golpe Borghese”

Il direttore del SID (Servizio Informazioni della Difesa), il generale dell’Esercito Vito Miceli, respinge a Roma il rapporto presentatogli dal generale dell’Esercito Gianadelio Maletti sul “Golpe Borghese”.