Testata

I Giorni di Roma

Culla del tempo, culla della civiltà…

Roma 8 Ottobre

[ anno 1354 ]

La morte di Cola di Rienzo

Al grido di “Morte al traditore!” il popolo, sobillato dai nobili, assalta il Campidoglio alla caccia di Cola di Rienzo: questi prova a calmare i facinorosi parlando da un balcone, ma viene dato fuoco al palazzo. Seppur avvolto in un mantello, viene riconosciuto mentre tenta la fuga: muore immediatamente, colpito con la spada da un certo Cecco del Vecchio, ed il corpo esanime viene decapitato, appeso per i piedi ed esposto per due giorni alla furia dei romani presso la chiesa di San Marcello. Quel che resta della salma viene poi trascinato al Mausoleo di Augusto e data alle fiamme; la cronaca di un anonimo romano riporta: “Era grasso: per la moita grassezza da sé ardeva volentieri… Non ne rimase cica. Questa fine hebbe Cola de Rienzi, lo quale se fece Tribuno Augusto de Roma”.


[ anno 1503 ]

Consacrazione di Pio III

Il cardinale senese Francesco Todeschini Piccolomini viene consacrato papa in San Pietro con il nome di Pio III: è in condizioni di salute così precarie che non se la sente neanche di prendere il tradizionale possesso del Laterano. Nipote di un altro pontefice (Pio II), era stato eletto in conclave il 22 settembre ma sarà destinato a regnare per poco meno di un mese, morendo il 18 ottobre, probabilmente dopo essere stato avvelenamento.


[ anno 1530 ]

Piena del Tevere

A Roma si verifica una grave inondazione del Tevere: a Ripetta si arriva a registrare un’altezza massima del livello dell’acqua di 18,95 metri. Cinque lapidi lungo il corso del fiume registrano e ricordano la drammatica piena. Come se non bastasse, nei giorni successivi si avrà un’epidemia di peste.


[ anno 1958 - Mercoledì ]

Pio XII in agonia

Pochi giorni dopo essere stato colpito da ischemia, a Castel Gandolfo papa Pio XII entra in agonia. L’innocua chiusura di un’imposta della sua camera viene precipitosamente interpretata come il segnale della sua morte.


[ anno 1963 - Martedì ]

Violenze a irredentisti altoatesini

Dopo che a Trento, nell’ambito del processo per le sevizie inflitte a numerosi irredentisti altoatesini il Tribunale aveva assolto otto Carabinieri e prosciolto altri due di loro ritenendo esagerate le accuse, in Senato a Roma Luis Sand definisce la sentenza “un lutto per la Giustizia nazionale”; seguirà una dura replica del democristiano Giacinto Bosco, ministro della Giustizia.


[ anno 1975 - Mercoledì ]

I profughi italo-eritrei

Il sergente dell’Aeronautica Augusto Mauri viene processato a Roma con l’accusa di “manifestazione sediziosa” per aver pubblicamente reagito di fronte a dei dimostranti razzisti nei giorni del rientro dei profughi italo-eritrei dal paese africano.


[ anno 1979 - Lunedì ]

Scandalo “ENI-Petromin”

All’hotel Excelsior di Roma si incontrano Licio Gelli, il “Maestro Venerabile” della loggia P2, ed il presidente dell’ENI (Ente Nazionale Idrocarburi) Giorgio Mazzanti per discutere della tangente del 7% alla società di stato dell’Arabia Saudita per un vantaggioso contratto petrolifero. L’episodio sarà alla base dello scandalo “ENI-Petromin”.